Riapre a Tangeri l’hotel preferito da Matisse

Source: easyviaggio.com

Curiosità  –  Filippo Baldi.                        Pubblicato il 16/03/2015

Riapre il Grand Hotel Villa de France, a Tangeri. Dopo anni di decadenza ritorna a splendere l’albergo che ha ospitato e ispirato Henri Matisse durante il suo soggiorno marocchino.

 

La componente mediterranea e in particolare nord adfricana dell’opera del grande pittore francese è di enorme importanza per le conseguenze che il precursore dei fauves ha avuto sull’arte contemporanea. Sarebbe stato un grande peccato, dunque, consentire che uno dei luoghi chiave dell’esperienza marocchina di Matisse venisse demolito, così come si paventava negli anni ’90 quando il Grand Hotel Villa de France versava in condizioni davvero pessime, sommerso dai debiti e declassato dalle catene di alberghi di lusso.

Riportato agli antichi fasti

Riportato agli antichi fasti

Eppure il prestigioso albergo ha trovato nuova linfa, grazie agli investimenti dell’uomo d’affari britannico di origine irachena Sir Nadhmi Auchi, che ha comprato anche lo storico concorrente del Grand Hotel, l’hotel El Minzah, sistemazione preferita da Winston Churchill e Rita Hayworth, che aveva contribuito al declino dello storico hotel fondato nel 1880.

Matisse Arabesque
Matisse, Museo Puskin

 

La nuova giovinezza dell’albergo non ha scordato, com’è ovvio, gli importanti trascorsi artistici, dedicando al genio francese la stanza 35, quella in cui Matisse avrebbe dipinto, tra il 1912 e il 1913, la Finestra a Tangeri, custodita oggi al Museo Puskin di Mosca.

Questa e molte altre opere relative al periodo nord africano di Matisse possono essere ammirate, eccezionalmente, presso le scuderie del quirinale in occasione della mostra “Matisse Arabesque”.

 

http://www.sourcewire.com/newsroom/GMHNews/release/86452/matisse-s-favourite-moroccan-hotel-re-opens#.VT4kfpMnKT0